lunedì 8 novembre 2010

Muffin con latticello e mele



Ho scoperto il latticello! Ho comprato da poco un libro tutto sui muffin, dolci, salati, insomma ce ne per tutti i gusti e spesso tra i vari ingredienti trovavo questo benedetto latticello. Ma che cavolo è sto latticello? Forse alcuni di voi già lo conoscono ma io nebbia…così ho chiesto aiuto a internet e ho scoperto che è un ingrediente molto usato nei paesi angloamericani per rendere pane e dolci molto soffici. Si tratta di latte opportunamente fermentato. In alcuni paesi come l’Inghilterra si trova tranquillamente nei supermercati ma qui in Italia, a parte la zona del trentino forse dove c’è ditta di yogurt che lo produce (così ho letto), non è in commercio ma si può tranquillamente fare in casa mischiando pari quantità di yogurt magro (è più acido) e latte scremato. Fatta questa operazione si lascia fermentare al caldo per un po’ o almeno fino quando il composto fa una specie di ricotta. A quel punto è pronto per essere usato. Consiglio di usare sia il latte che lo yogurt a temperatura ambiente, fermenta prima. Allora una volta capito cosa è il latticello, cerco una ricetta che lo contiene e mi cimento nella prova; ebbene credetemi dona una sofficità e un gusto incredibile. D’ora in poi mai più senza latticello. Ho letto che oltre ai dolci si può usare anche per fare pane e pizza. Addirittura fa molto bene berlo per la flora batterica intestinale.


Ingredienti:

15 pirottini di carta
2 piccole mele
150 di zucchero
2 cucchiaini di cannella (facoltativo)
280 g di farina
½ cucchiaino bicarbonato
1 pizzico di sale
100 g burro morbido
1 uovo
250 latticello (125 di latte + 125 di yogurt)
1 bustina di zucchero vanigliato
2 cucchiai zucchero di canna

Procedimento:

sbucciare le mele, tagliarle a pezzi piccoli e cospargere con 2 cucchiai di zucchero e i cucchiaino di cannella. Mescolare la farina con lo zucchero, il bicarbonato, il sale, il burro morbido, l’uovo, il latticello e lo zucchero vanigliato. Mescolare bene e aggiungere le mele. Scaldare il forno a 180° e versare l’impasto nei pirottini a cucchiaiate cercando di non riempirli troppo. Cospargere con lo zucchero di canna e la rimanente cannella e infornare per circa 15/18 minuti.

6 commenti:

  1. Ciao, ti ringrazio per l'utile ragguaglio. Identica cosa per me, svariate ricette con in mezzo 'sto latticello, ed io ignoravo... in effetti qui a firenze è dura trovarlo, quasi impossibile... peccato visto il tuo splendido risultato ^_^

    Buona serata

    RispondiElimina
  2. ottimo il latticello, perfetto per ammorbidire il tutto!
    bella idea per i muffin ;-)
    è da un po' che frequento il sito dolcidee.it, dove gli utenti possono condividere le proiprie ricette... una col latticello ci vuole senza dubbio, dai dai!!
    grazie, a prestoo

    RispondiElimina
  3. Ciao Meli, grazie per il consiglio. Anche io frequento il sito dolcidee.it dato che sono una golosona e comunque hai ragione ci vuole una bella ricettina al latticello e vai..

    RispondiElimina
  4. Ciao Leti scusa se ti rispondo solo ora ma mi sono accorta che il commento che ti avevo postato l'altra volta non è andato a buon fine. Devo aver fatto qualche casino sai non sono proprio una maga del pc. Comunque mi fa piacere che ti sono stata utile anche perchè ti assicuro che il latticello è davvero un ottimo ingrediente per rendere soffice qualunque cosa.

    RispondiElimina
  5. ciao, scusa l'osservazione ma mettendo a fermentare latte con lo yogurt (basta un cucchiaio)hai creato altro yogurt (principio su cui si basa la yogurtiera domestica) e non il latticello.
    Il latticello è liquido come il latte ma di colore molto più chiaro, poiché è il siero che si forma dalla trasformazione della panna in burro; molto simile è il siero che si forma facendo cagliare il latte (quando si fà il formaggio)
    lo si può fare aggiungendo al latte tiepido un pò di succo di limone, anche se il formaggio viene un pò aspro; quando il latte si è completamente rappreso raccogli la cagliata con una schiumarola e mettilo a scolare (io uso uno scolapasta a maglie fitte) taglia un pò la cagliata così incomincerà a scolarsi dopo 3 ore avrai ottenuto il siero o latticello (liquido), ed un piccolo formaggio molto tenero tipo ravigiolo (o primo sale)che a quel punto salerai. Io al posto del limone uso il caglio, quello che usano i contadini, ma non si trova in commercio, ed il ravigiolo è non buonissimo ma di più, molto più buono di qualsiasi altro formaggio in commercio.

    RispondiElimina
  6. Ciao Samy, tutte le osservazioni sono sempre ben accette, soprattutto quando mi insegnano qualcosa di nuovo. Sono al corrente che il vero latticello è quel liquido biancastro che si ottiene trasformando la panna in burro, ma come puoi immaginare non è che tutte le volte che ho bisogno del latticello devo farmi il burro anche perchè va consumato in fretta dato che dura meno di quello comprato. Oltretutto per ottenere 500 ml di latticello occorre centrifugare 1 l di panna con annessi 500 g di burro che non consumo neanche in 2 mesi! Conosco anche il tuo metodo, ma non amo per niente quel tipo di formaggio che si ottiene (non amo il formaggio fresco in genere). Quindi non resta che il metodo più semplice che è quello far fermentare una quantità di latte scremato leggermente intiepidito con altrettanta quantità di yogurt scremato, lasciarlo riposare un pò è quando il latte inizia a cagliarsi, è pronto. Ti assicuro che non si ottiene dell'altro yogurt ma un composto molto simile al latticello che dà ai cibi la stessa consistenza che si avrebbe se tu usi il latticello vero. Se ci pensi bene il fine è lo stesso: far fermentare il latte, che tu lo faccia con il limone o con una grande quantità di yogurt, la cosa non cambia. Comunque non sono l'unica che usa questo metodo, se ti fai un giro nel web vedrai che questo è il metodo più accreditato. Se vuoi ti lascio qualche link: http://www.cookaround.com/yabbse1/showthread.php?t=8856&page=1 oppure http://croce-delizia.blogspot.com/2009/09/buttermilk-o-latticello-come.html ciao e grazie.

    RispondiElimina

Sono anche su

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Versione blog per cellulare

CLICCA QUI e inserisci l'indirizzo fra i preferiti del tuo telefonino